SOLITUDINE


Soltanto oggi ci rendiamo conto del valore di una semplice stretta di mano. L’emergenza Covid-19 e il conseguente lockdown ci hanno costretti – e ci costringeranno – a cambiare il nostro modo di vivere le relazioni familiari e sociali.

Per mesi non è stato possibile incontrare e abbracciare un amico, un genitore, spesso il partner, senza nemmeno la consolazione di poter pianificare il prossimo incontro. Voli cancellati, confini chiusi o semplicemente il timore di portare il virus a una persona cara ci hanno impedito di vivere appieno i rapporti con le persone a cui siamo legati.


Un impedimento per molti doloroso, in particolare nei Paesi come l’Italia, dove le relazioni sociali sono fondate anche su una spiccata fisicità.

Nella solitudine delle case, abbiamo cercato di colmare questa lacuna utilizzando la tecnologia a disposizione. Le videochiamate sono diventate il modo per stare insieme, per condividere i momenti di una giornata o gli umori che ci accompagnavano in quei giorni.

Non solo. In un periodo storico nel quale ci sentivamo scollegati da noi stessi al punto che il concetto di mindfulness, oltre ad alimentare un notevole giro d’affari, acquistava sempre i più i tratti di un nuovo culto, l’isolamento forzato ci ha costretti a fare i conti col nostro io più profondo, a fronteggiare le nostre incertezze, le paure e i sogni. In altre parole, a partecipare (in modo forzato, ma almeno gratuitamente) a un corso di mindfulness ben più lungo e intenso di quelli per i quali, fino a poco tempo prima, molti erano disposti a pagare.



Durante la quarantena, molti cittadini di Napoli salgono sulle terrazze dei condomini alla ricerca di uno spazio all'aperto. Un uomo su una terrazza della Vela Gialla di Scampia, utilizzata come set per il film Gomorra.

Un ragazzo di origine bosniaca nel suo modulo abitativo all'interno della baraccopoli di Castel Romano, sul litorale di Roma.

Milano, Ospedale San Raffaele. La modella Anne Christensen qualche ora prima di dare alla luce sua figlia Audrey.

Giorgia, 23 anni, e Marco, 25, lavorano rispettivamente come copywriter di moda e web designer. Dividono l’appartamento con un’altra coppia che ha sofferto notevolmente per il lockdown. Giorgia e Marco, al contrario, grazie al tempo sospeso hanno recuperato una nuova armonia.

Ana Milena Guazaquillo, Nancy Briones, Liliana Llano e Hilda González sono suore dell’ordine delle Missionarie Serve del Divino Spirito. Ogni pomeriggio alle cinque in punto portano conforto spirituale alla cittadina di Positano, in Campania, recitando il rosario con l’ausilio di un megafono da un tetto in cima al paese. Durante il lockdown, le suore hanno anche organizzato dirette Facebook e videochiamate di sostegno per le persone sole e gli ammalati.

Bergamo, ospedale Giovanni XXIII. Un paziente in una sala d'attesa del pronto soccorso, convertito in reparto Covid-19 per fare fronte all’enorme afflusso di malati durante i giorni del picco dell’epidemia.

Giovanni Maglione, infermiere all’ospedale di Polla (Salerno), attende che la moglie lo raggiunga per scambiarsi a distanza un saluto e fare due chiacchiere.

Persone care, familiari, amici (come Serena, fotografa romana), sconosciuti. Proiettati a grandezza naturale, durante una videochiamata, sul divano di casa. Un modo di avvicinare nella distanza e alleviare il senso di solitudine.

Durante il lockdown i milanesi hanno scoperto una città che non avevano mai visto prima: silenziosa, deserta, spettrale.

Bergamo, ospedale Giovanni XXIII. Un paziente al pronto soccorso, convertito in reparto Covid-19 per fare fronte all’enorme afflusso di malati durante i giorni del picco dell’epidemia.

Blello, in provincia di Bergamo, è uno dei cosiddetti villaggi “zero Covid”, dove non è stato registrato un solo caso di contagio. Il sindaco Luigi Mazzucottelli in piedi sul piccolo eliporto costruito di recente al limitare del paese.

All'Ospedale San Raffaele di Milano, un'ostetrica fa una pausa all'alba dopo aver lavorato tutta la notte.

Niccolò, costretto in casa con i genitori dalla quarantena in provincia di Latina, durante uno dei momenti di gioco nella sua camera, spesso alternati a noia e malinconia.

Roma, quartiere Appio Latino. Una donna al termine di una sessione di yoga.

Cinisello Balsamo (Milano). Irene Barrientos nella camera da letto della casa in cui vive con il marito e quattro figli, messa a disposizione dalla Fondazione Progetto Arca. Con l’emergenza Covid-19 i due genitori hanno perso entrambi il lavoro e per questo viene fornito loro periodicamente anche un pacco di aiuti alimentari.

In primavera la baia di Positano viene abitualmente presa d’assalto da yacht e barche di ogni tipo. Non quest’anno.

Milano, struttura di seconda accoglienza della onlus CAST (Centro Assistenza Sociale Territoriale): tre ospiti - da sinistra Sana Fofana, Samani Bangura e Gaetano Lanciano - che con l’emergenza Covid-19 sono stati costretti a interrompere l’attività lavorativa.

Genova. L'infermiera Giulia Bellantonio si occupa di un paziente malato di Covid-19 appena arrivato a bordo della nave da crociera MSC Splendid convertita in un ospedale.

Bergamo. In uno dei corridoi dell’ospedale Giovanni XXIII, nei giorni in cui l’afflusso di nuovi pazienti ha messo in grave crisi la capacità di risposta della struttura.

Milano. Alessandro Caprio, impiegato di una grande azienda italiana, lavora in smart working da casa.

Milano. Elsa Radaelli, educatrice scolastica a contratto, da quando è iniziato il lockdown e la scuola ha chiuso non ha più il lavoro e non percepisce alcun compenso. Elsa vive - insieme a Noemi Ventura - in una casa messa a disposizione da Fondazione Progetto Arca, che le fornisce anche aiuti alimentari.

Niccolò, costretto in casa con i genitori dalla quarantena, si accerta che ci siano le caramelle nella spesa che la madre ha fatto consegnare a casa per evitare il più possibile il rischio di contagio.

Il 18 marzo l’Hotel Winter Garden, un albergo a quattro stelle a pochi passi dall’aeroporto di Bergamo, ha messo a disposizione la propria struttura per accogliere i pazienti dimessi dagli ospedali ma ancora positivi al Covid-19 e in attesa di poter tornare nelle proprie case con l’assoluta certezza di non costituire un pericolo per i familiari. I pazienti attendono qui l’esito dei tamponi. Si prende cura di loro il personale sanitario messo a disposizione da O.S.A. (Operatori Sanitari Associati).

Genova. Una paziente a bordo della nave da crociera MSC Splendid convertita in un ospedale Covid-19.

Albaredo per San Marco, in provincia di Sondrio, è uno dei cosiddetti villaggi “zero Covid”, dove non è stato registrato un solo caso di contagio. Caterina Esterina Del Nero, 93 anni, è uno dei residenti e sta uscendo dalla chiesa di San Rocco.

Milano. Un isolato passeggero all’aeroporto di Linate, quasi del tutto vuoto durante la pandemia.

Rosario Muro, comandante dei vigili urbani di Giffoni Valle Piana (Salerno), nella casa dove vive in autoisolamento dall’inizio dell’emergenza Covid-19.

Daniele Graziano, infermiere caposala al pronto soccorso dell’ospedale di Polla (Salerno), cena da solo nella sua abitazione temporanea. Il 4 maggio è stato il suo anniversario di nozze: dopo 17 anni di matrimonio, ha trascorso due mesi senza vedere la famiglia.

Milano. Una donna cammina sola lungo il Naviglio Grande: durante l'emergenza Covid-19 il silenzio ha dominato per tutto il giorno questo luogo, celebre per gli affollati e rumorosi aperitivi.

All'ospedale Buzzi di Milano, la futura mamma Serena Minischetti prende l'ascensore per andare a partorire.

Bergamo, una paziente Covid-19 in condizioni critiche in una sala del reparto di terapia intensiva dell’ospedale Giovanni XXIII, nei giorni in cui l’afflusso di nuovi pazienti ha messo in grave crisi la capacità di risposta della struttura.

Gerola Alta, in provincia di Sondrio, è uno dei cosiddetti villaggi “zero Covid”, dove non è stato registrato un solo caso di contagio.